Italiano
PER VENDERE O PER AFFITTARE IL TUO IMMOBILE
AFFIDATI ALLA NOSTRA PROFESSIONALITA’

Panoramica cascina ad aia

105.000 €
184 m2
2 Camere
1 Bagni
Codice
4619
Città
Pino d'Asti
Categoria
Rustico/Casale
Locali
6,5
Mq Giardino
400
Classe energetica
G
301,7 kWh/m²a
Stato Immobile
Da Ristrutturare
Grado
Medio
Posizione
Centro Storico
Panorama
Vista Aperta
Orientamento
Sud
Lati Liberi
3
Giardino
Cortile
Arredi
Non Arredato
Tipo Soggiorno
Soggiorno
Tipo Cucina
Abitabile
Riscaldamento
No
Acqua Calda
Autonoma
Infissi
Legno
Serramenti
Da Sostituire
Persiana
Persiana Legno
Pavim. Giorno
Ceramica
Pavim. Notte
Graniglia
Pavim. Cucina
Ceramica
Pavim. Bagno
Ceramica
Pino d’Asti, centro paese, in posizione dominante, con una meravigliosa visuale sulle colline dell’Alto Astigiano e sulla Parrocchiale della Madonna del Carmine e in particolar modo sul campanile barocco edificato su disegno di Bernardo Vittone, proponiamo una classica cascina ad aia piemontese, da ristrutturare, elevata su due livelli, con una corte antistante di 400 mq circa all’interno della quale troviamo una tettoia e una rimessa.

La facciata del corpo principale è tipicamente esposta a sud per essere soleggiata anche d'inverno e sulla facciata si concentrano tutte le numerose aperture. La struttura principale, al piano cortile, è composta da quella che già un tempo era la parte abitativa, dove troviamo l’ingresso, il soggiorno e la cucina, per una superficie complessiva di 50 mq circa, in aderenza alla quale c’è un ambiente censito come locale di sgombero con soffitto a voltini di mattoni a vista, di 40 mq circa, che porta ancora le tracce dell’ex stalla che a sua volta confina con un locale cantinato anch’esso con soffitto a voltini di mattoni a vista, di 36 mq circa, dal quale si raggiunge “l’infernòt”, un locale sotterraneo in assenza di luce e di areazione diretta, costruito scavando a mano la roccia e solitamente adibito a cantina o dispensa.

Al piano superiore dell’edificio trovano spazio due ampie camere, un disimpegno collegato ad un piccolo balcone che offre un panorama meraviglioso, ed un bagno per una superficie complessiva di 50 mq circa; i locali sono raggiungibili dal piano abitativo sottostante attraverso la classica scala della cascina piemontese a rampa unica e ultimano quella che un tempo era la parte abitativa della proprietà. Questi ambienti a destinazione abitativa confinano con uno spazio censito come locale di sgombero, di 40 mq circa, utilizzato un tempo come fienile. Completa il primo piano un locale di 36 mq circa, con soffitto a cassettoni e pavimento in cotto originale, probabilmente un tempo utilizzato dal mezzadro, dotato di un accesso indipendente attraverso una scala esterna.

Di fronte al corpo principale, troviamo una tettoia chiusa su due lati, di circa 55 mq coperti, in parte a nudo tetto e in parte soppalcata oltre ad una rimessa di circa 20 mq.

Le cascine ad aia piemontesi si assemblavano in schiere, per questo motivo l’accesso pedonale e carraio alla Proprietà in oggetto avviene passando attraverso la corte della proprietà adiacente che confina con la via Maestra, come meglio evidenziato nelle planimetrie legate all’annuncio. E’ bene chiarire che questa servitù di passaggio a favore dell’edificio qui proposto si interrompe una volta raggiunta la Proprietà in oggetto, in quanto a sua volte la corte non è gravata da alcuna servitù.

L’edificio è collegato alla corrente elettrica, all’acqua potabile, alla linea telefonica e alla rete fognaria. Attualmente il fabbricato non è dotato d’impianto di riscaldamento e non è collegato al gas metano ma questa utenza arriva sulla via Maestra, a poca distanza dal fabbricato. L’intera superficie del cascinale si può recuperare e trasformare in residenziale. Sono consentiti interventi di: mutamento di destinazione d’uso; manutenzione ordinaria e straordinaria; ristrutturazione edilizia di tipo B (sono ammesse anche variazioni di superficie utile e recupero di volumi); demolizione di edifici e manufatti purché non aventi valore storico-artistico; ricostruzione o, solo in assenza di locali esistenti da recuperare allo scopo, nuova costruzione di bassi fabbricati; ampliamento una tantum delle abitazioni per adeguamento igienico-sanitario o funzionale non eccedente il 20% della superficie utile esistente e con un massimo di 30 mq.

Video

Mappa

Via Maestra , Pino d'Asti (AT)

Condividi

* I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni Ho capito